Giugno 2015

Confederazione Coinar

NEWSLETTER

In evidenza

 

Privacy & Videosorveglianza

La legge italiana in materia di videosorveglianza stabilisce sostanzialmente questi principi di base:

  1. principio di necessità: la videosorveglianza va usata solo nel caso che sia realmente necessaria e che sia la tecnica più adatta per prevenire un evento criminoso;
  2. principio di conoscenza: le riprese non possono essere effettuate di nascosto, all’insaputa delle persone coinvolte. Nell’area soggetta a videosorveglianza devono essere presenti dei cartelli che avvisino le persone in transito;
  3. principio di limitatezza: le riprese vanno limitate allo spazio ed al tempo necessari per lo scopo e comunque alle aree di competenza della persona che ne fa uso;
  4. Principio di responsabilità: chi viene ripreso deve sapere chi effettua le riprese e chi conserva i filmati, in modo da sapere a chi rivolgersi in caso di problemi.
  5. diritto all’oblio: i filmati devono essere cancellati appena viene meno la necessità di conservarli, cioè di solito dopo 24 ore.

È legittimo installare telecamere in azienda, cioè in negozi, uffici e laboratori. Ciò che invece non si può fare è usare queste telecamere anche o solo per misurare le prestazioni professionali dei propri dipendenti. Le registrazioni necessarie per ragioni di sicurezza, effettuate seguendo i principi di cui sopra, sono invece legittime.
L’installazione del sistema di videosorveglianza negli ambienti di lavoro è subordinato alla presentazione di una autorizzazione preventiva alla Direzione Provinciale del Lavoro.
L’istanza di autorizzazione all’installazione di impianti audiovisivi ai sensi dell'art. 4 della legge 20 Maggio 1970 n. 300 (Statuto dei Lavoratori) si compone di:

  • modulo di richiesta che ogni DPL mette a disposizione online;
  • due planimetrie in formato A4 con ubicazione delle telecamere e coni di ripresa, descrizione d’uso dei locali e arredi;
  • informativa a tutto il personale dipendente nelle forme del Dlgs. n. 196/2003 dell’installazione del sistema di videosorveglianza;
  • relazione tecnica descrittiva dell’impianto con particolare riferimento alle modalità di funzionamento dei dispositivi di registrazione e accesso alle immagini;
  • schede tecniche delle videocamere e dei videoregistratori.


Le sanzioni previste per i trasgressori: arresto fino a due anni o ammenda da 10.000 € a 50.000 € per l’omissione di adozione delle misure minime, sanzione amministrativa da 3.000 € a 30.000 € per la violazione delle disposizioni sull’informativa.

 

© 2015 Confederazione Coinar. All rights reserved.

Annullare l'iscrizione: questa newsletter vi è stata inviata in quanto clienti, partners Coinar o interessati.
Qualora in futuro non vogliate più ricevere la newsletter Coinar potete cliccare qui ed il servizio di invio newsletter verrà sospeso. Alternativamente potete contattarci al numero verde 800 34 33 88 oppure inviarci la vostra richiesta per posta, all'indirizzo:

Coinar
Corso Gianelli, 1
16043 Chiavari (GE)